Esperto di Semalt: Linee guida per i plugin di WordPress

I plugin sono questi frammenti di codice PHP che aggiungono funzionalità al tuo sito web. Per i programmatori amatoriali, le persone utilizzano questi codici per aggiungere funzionalità al tema corrente senza dover modificare il codice di base del tema. I plugin aiutano nella creazione di post personalizzati, gestiscono le voci del database, tengono traccia dei tuoi articoli e aggiungono le cartelle degli articoli a un server "CDN". Ad esempio, le persone che gestiscono i siti Web di eCommerce di Amazon Affiliate hanno il potenziale di beneficiare di queste funzionalità. In alcune situazioni, potrebbe essere necessario un plug-in personale per farti risolvere un'esigenza unica per il tuo sito.

Man mano che un tema modifica il layout e l'aspetto di un sito, i plug-in ne migliorano la funzionalità. I temi svolgono le loro funzioni nella cartella del file Functions.php. Con i plugin, puoi essere in grado di metterne uno nella cartella dei plugin. Una persona con una conoscenza di base del file system WordPress e della codifica PHP può essere in grado di creare un plug-in personalizzato. In questo articolo SEO, puoi imparare come creare il tuo plugin.

Andrew Dyhan, uno dei principali specialisti di Semalt , assicura che per usare un plugin, devi prima caricarlo e attivarlo.

Come funzionano i plugin di WordPress

I plugin sono semplici frammenti di PHP. Proprio come i temi, questi sono file PHP presenti da qualche parte nella directory del tuo sito web. Per creare un plug-in, è necessario accedere alla cartella wp-content / plugins. Da qui, crea un nome di cartella e inserisci un file PHP al suo interno. Tutti questi elementi dovrebbero avere un nome simile. Da qui, puoi essere in grado di creare il tuo primo plug-in WordPress.

Un plugin richiede un'intestazione. Un'intestazione è la prima parte del plugin. Contiene informazioni speciali come nome dell'autore, versione, nome e descrizione del plugin. Utilizzando un editor di testo, puoi essere in grado di aggiungere codici e frammenti al tuo sito Web WordPress. Ad esempio, supponendo che il nostro plugin sia il nome "Our Sample Plugin", puoi utilizzare il codice:

Nome del plugin: il nostro plugin di esempio

URI del plug-in: http: // Our-Sample-Plugin.com

Descrizione: un plugin per testare come è fatto

Versione: 1.2

Autore: Mr. Plugin

URI dell'autore: http://oursampleplugin.com

Licenza: GPL2

Questo plugin è completo. È possibile attivarlo sul database del tuo sito Web. Tuttavia, non contiene alcuna funzione su di esso. Di conseguenza, non può ottenere alcuna funzionalità. Devi aggiungere le righe di una funzione di questo plugin per farlo funzionare. Nella tua programmazione back-end, puoi aggiungere frammenti di codice al suo corpo e fare in modo che questo plugin svolga un ruolo specifico sul tuo sito web. Ad esempio, è possibile che questo plug-in sia in grado di recuperare le visualizzazioni. In questo caso, il tuo plugin potrebbe apparire come:

<? Php

/ *

Nome del plugin: il nostro plugin di esempio

URI del plug-in: http: // Our-Sample-Plugin.com

Descrizione: un plugin per testare come è fatto

Versione: 1.2

Autore: Mr. Plugin

URI dell'autore: http://oursampleplugin.com

Licenza: GPL2

* / function awepop_get_view_count () {

$ post globale;

$ current_views = get_post_meta ($ post-> ID, "awepop_views", vero);

if (! isset ($ current_views) O vuoto ($ current_views) OR! is_numeric ($ current_views)) {

$ current_views = 0;

}

restituisce $ current_views;

}>

Questo è un plugin WordPress completo che può essere in grado di recuperare e mostrare visualizzazioni di pagina. Non vi sono limiti ai comandi per le funzioni che è possibile aggiungere a un plugin. Infine, devi caricare e installare il tuo plugin su WordPress. Da qui, puoi attivare il tuo plugin WordPress.